Collettivo Exarchia


Non viviamo più come schiavi/e

Ribaltata la sentenza Foodora! Resistere allo sfruttamento è possibile!

Venerdì 11 gennaio 2019 la sentenza in Corte d’Appello del giudice del lavoro di Torino ha riconosciuto la richiesta dei 5 fattorini licenziati nel 2016 da Foodora in seguito alle prime proteste organizzate di vedersi riconosciuto il rapporto di lavoro subordinato, ribaltando la sentenza di primo grado dell'aprile 2018.

Riportiamo alcune nostre cosiderazioni intorno alla sentenza e più in generale sulla lotta dei ciclofattorini.

Collettivo Exarchia

Leggi tutto »

Precarietà a domicilio

Mercoledì 19 dicembre 2018

18:00 aperitivo, 18:30 dibattito; @ XM24 (via Aristotele Fioravanti, 24 - Bologna)

Partecipiamo e invitiamo a partecipare all'iniziativa dal titolo "Precarietà a domicilio. Autoformazione e dibattito a partire dalla causa intentata dai riders di Torino".

Il 9 gennaio 2019 ci sarà la sentenza di appello del processo Foodora. Nel primo grado il tribunale di Torino ha respinto tutte le richieste dei riders con una sentenza che non rende giustizia ai lavoratori e che ha un sapore prettamente politico. Questa sentenza ha contribuito a mantenere se non peggiorare le condizioni di lavoro dei fattorini e ringalluzzire l’arroganza delle aziende.

Cosa chiedono i rider licenziati da Foodora? Che valenza avrà la decisione dei giudici sulla lotta dei riders? Che diritti hanno i riders e quali sono i doveri delle aziende?

Ne parleremo con Giulia Druetta, avvocato della causa "Riders contro Foodora".

Leggi tutto »

Cena benefit per Non Una Di Meno

Lunedì 19 novembre 2018

Ore 20:30, @ Circolo Anarchico C. Berneri (p.zza di Porta S. Stefano, 1 - Bologna)

Il Collettivo Exarchia partecipa all'Agitazione Permanente indetta da Non Una Di Meno. Ci mettiamo a tavola per una cena benefit per i pullman che ci porteranno a Roma sabato 24 novembre per la manifestazione nazionale.

[Continua leggendo il testo di convocazione]

Leggi tutto »

Proiezione di "L'amore e la rivoluzione"

Venerdì 16 novembre 2018

19:00 aperitivo sostanzioso, 20:00 proiezione; @ Circolo Anarchico C. Berneri (p.zza di Porta S. Stefano, 1 - Bologna)

Proiezione del documentario "L'amore e la rivoluzione" (2018) del regista Yannis Youlountas.

Una raccolta di testimonianze sulle pratiche di autogestione, resistenza e solidarietà dal basso in Grecia.

La serata sarà benefit per il collettivo ateniese Rouviconas colpito dalla repressione.

Leggi tutto »

Presentation of the inquiry "Precarietà nova" to Humboldt University of Berlin

Monday 12 november 2018

H. 18:00, @ Room 1066e, main building of the Humboldt University (Unter den Linden, 6 - Berlin)

Presentation of the book “Precarietà Nova” by the anarchist Collective Exarchia from Bologna (Italy). The book is based on a militant inquiry
that aimed to collect the everyday life experience of people studying, working and struggling at the university.

Leggi tutto »

Presentazione dell'inchiesta "Precarietà nova" a Grassroots

Giovedì 8 novembre 2018

Ore 19:00, @ osteria-libreria Grassroots (via dei Lamponi, 12/A - Bologna)

Sesto appuntamento del ciclo di presentazioni dell'inchiesta "Precarietà nova. Racconti di quotidiano sfruttamento tra università e lavoro" edita da La Fiaccola (Ragusa, 2018).

"Quando si passa al tema del diritto allo studio, la simbiosi tra università e capitale si traduce direttamente in un’università sempre più di classe. “Le alte tasse universitarie, lo strozzinaggio del sistema degli affitti, gli insufficienti servizi sociali messi in campo dall’università, le politiche dei trasporti (o meglio l’assenza di politiche dei trasporti), i costi per libri, dispense, cibo e sostentamento sono tutti mezzi attraverso i quali l’università effettua una selezione” classista e più in generale funzionale al mantenimento delle gerarchie sociali. E mentre la gran maggior parte degli intervistati ha beneficiato di agevolazioni economiche e borse di studio, ritenendoli fondamentali per avvicinarsi a quella uguaglianza di possibilità che dovrebbe costituire un elemento imprescindibile per poter parlare di un’università accessibile, la Regione Emilia-Romagna comunica che quest’anno per la prima volta non verranno garantite tutte le borse di studio disponibili degli aventi diritto".

Non viviamo più come schiavi/e!

Leggi tutto »